Orate, spigole e ostriche sarde La qualità è nella tracciabilità

ALGHERO. Gli acquacoltori sardi producono un fatturato di 20 milioni di euro l’anno e occupano in modo diretto e indiretto 150 addetti. Ma questi numeri potrebbero crescere molto in un futuro prossimo. Ma c’è un ma. Il comparto a livello internazionale è popolato di «barracuda» spegiudicati e potenti. Per questo ieri mattina l’A.Sa. insieme a Coldiretti Sardegna ha promosso un incontro con la stampa all’hotel Punta Negra per denunciare questa situazione.  E’ con orgoglio e preoccupazione che Mauro Manca, presidente A.Sa., ha lanciato il grido d’allarme. E ha citato l’esempio delle anguille sarde. Le ingenti importazioni dall’Olanda che arrivavano al consumatore a prezzi assolutamente imbattibili hanno provocato la chiusura di numerosi impianti nazionali e sardi. Delle 54 aziende nazionali in attività dieci anni fa, solo 5 o 6 (tre in Sardegna) continuano a produrre. Ma mentre le anguille olandesi trattate con ormoni (capitoni pronti in 8 mesi, contro i due anni necessari) si riducono a pelle e lisca in cottura, quelle sarde mantengono forma e sapore, ma costano di più.  Lo stesso discorso vale per spigole e orate che vengono da Grecia e Turchia: bassi prezzi ma anche bassa qualità. Ma in questo caso conta anche la freschezza: i pesci prodotti dagli acquacoltori sardi arrivano sul mercato nel giro di 24 ore. «I prodotti stranieri- ha detto Mauro Manca- arrivano ai consumatori sardi dopo 7-8 giorni: ciascuno si faccia un’idea del problema».  Nella battaglia per la tracciabilità dei prodotti ittici l’A.Sa. ha al fianco la Coldiretti ma anche l’assessore regionale all’Agricoltura Andrea Prato. Due i problemi, secondo il direttore regionale di Coldiretti, Luca Saba: «Da un lato la grande distribuzione - ha detto - che non incoraggia certo i piccoli produttori delle eccellenze ma ha paura a farci apporre il marchietto sui nostri pesci. E poi l’agropirateria, da quella che viene dalla Cina e dall’India, a quella che in casa nostra spaccia pasta sarda quella fatta da farina non sarda. Idem nei formaggi alcuni dei quali vengono spacciati per sardi anche se vengono fatti con cagliate o latte in polvere provenienete da altri paesi».  «Per questo- hanno detto Battista Cualbu e Pietro Greco, Coldiretti di Sassari- da settembre coinvolgeremo le scuole in un programma di educazione alimentare. Nostro obbiettivo è fare in modo che nelle mense si impieghino prodotti isolani. Anche per i pesci».  «Aveva proprio ragione Lazaro Rosa, imprenditore nella produzione di avannotti di San Fernado di Cadice- dice Pino Gaviano allevatore ittico di Matzaccara, San Giovanni Suergiu- in Sardegna esistono le condizioni migliori del Mediterraneo per l’acquacoltura».  Chi avesse dei dubbi provi a confrontare i prodotti sardi (comprese le squisite ostriche di San Teodoro) con gli altri e se ne renderà conto.

Pasquale Porcu.


Articoli Correlati :

Rassegna Stampa

L’acquacoltura entra nel ...

Sassari Web,
Venerdì, 7 Agosto 2009

Acquacoltura sarda, ricon...

Alguer.it,
Giovedì, 6 Agosto 2009

Gli Acquacoltori nel tavo...

Alghero Notizie,
Giovedì, 6 Agosto 2009

Appello di Manca per l'un...

Alghero.tv,
Mercoledì, 29 Luglio 2009

Pesce sardo, bollino anti...

L'Unione Sarda,
Mercoledì, 8 Luglio 2009

Acquacoltori: "Difendere ...

Alghero Notizie,
Mercoledì, 8 Luglio 2009

Orate, spigole e ostriche...

la Nuova Sardegna,
Mercoledì, 8 Luglio 2009

Sacrificate le produzioni...

Sassari Web,
Martedì, 7 Luglio 2009

Aquacoltori: «Garantire l...

Alguer.it,
Martedì, 7 Luglio 2009

Gli Acquacoltori sardi la...

Alghero.tv,
Martedì, 7 Luglio 2009

Acquacoltura di qualità, ...

L'Unione Sarda,
Martedì, 30 Giugno 2009

I troppi ritardi affondan...

L'Unione Sarda,
Domenica, 21 Giugno 2009

Spigole e orate d'allevam...

la Nuova Sardegna,
Lunedì, 15 Giugno 2009

Acquacoltura sarda esclus...

L'Unione Sarda,
Domenica, 24 Maggio 2009

Maricoltura, il conto è t...

la Nuova Sardegna,
Sabato, 16 Maggio 2009

Più pesce sardo sulle tav...

L'Unione Sarda,
Sabato, 18 Aprile 2009

©2009 Associazione Acquacoltori sardi | Tutti i diritti riservati | Web Design , Alghero